Collaborazione

                          

sul WELFARE AZIENDALE

Aziende e lavoratori: quali sono le esigenze delle une e degli altri?

Vuoi rimanere informato sui prossimi eventi
Censis-Eudaimon?

1° Rapporto Censis-Eudaimon sul welfare aziendale

Il welfare aziendale è una straordinaria opportunità di innovazione e di crescita perché migliora il clima in azienda e aumenta la soddisfazione dei lavoratori. Emerge la grande potenzialità del welfare aziendale per il futuro, se non prevarrà la rincorsa a benefit attrattivi solo nell'immediato ma che non alleviano i lavoratori dal peso delle incombenze familiari.

2° Rapporto Censis-Eudaimon sul welfare aziendale

Il welfare aziendale presenta un impatto positivo sull'engagement, inteso come senso di appartenenzadi coinvolgimento di identificazione con l’azienda, che si esplicita in un clima di benessere e di miglioramento della qualità della vita. Emerge, infatti, una crisi retributiva in senso ampio del lavoro, per cui il welfare aziendale potrebbe essere uno strumento potenzialmente efficace per contenere le disuguaglianze.

3° Rapporto Censis-Eudaimon sul welfare aziendale

Alla visione apocalittica di nuove tecnologie, digitale e intelligenza artificiale come sinonimi di taglio dei posti di lavoro e inevitabile peggioramento delle condizioni di chi un lavoro lo conserverà, qual è il ruolo possibile del welfare aziendale? No vengono allargati i confini attraverso l'introduzione di una funzione inedita e decisiva quale quella del coach per il cambiamento.

2° Dossier

Sono pochi i lavoratori che sanno davvero che cosa sia il welfare aziendale. La ridotta conoscenza tiene bassi i tassi di utilizzo del welfare e aumenta l'asimmetria informativa, che porta a nuove disparità sociali a discapito dei lavoratori meno abbienti. In questo senso gioca un ruolo fondamentale la buona comunicazione. Quindi la domanda fondamentale è: è possibile una comunicazione che faccia arrivare a ciascun lavoratore le informazioni più vicine possibili alle sue esigenze e nel momento in cui presumibilmente ne ha più bisogno?

1° Dossier

Il welfare aziendale deve partire dai fabbisogni sociali dei lavoratori delle aziendedei loro familiari e delle comunità di riferimento, non deve diventare un moltiplicatore di benefit indefiniti. Inoltre, non basta aumentare il numero e la tipologia di servizi e prestazioni nel welfare, se non si creano le condizioni perché le persone che ne hanno bisogno li utilizzino realmente.

Instant Report

La dinamica mutevole del periodo di emergenza ed incertezza che stiamo vivendo ci porta a ricercare il nostro equilibrio. Ci sono stati mutamenti che hanno toccato prepotentemente ed inevitabilmente imprese e lavoratori, con cui si dovrà fare i conti nel prossimo futuro.
Il welfare aziendale ha vissuto un'accelerazione volta a migliorare la situazione per promuovere il reale benessere dei lavoratori.